9
utenti
14
video
0
foto
1061098
views

Legalizzazione della cannabis, la situazione italiana: anche l'Onu è favorevole

Il processo che potrebbe portare alla depenalizzazione totale e alla legalizzazione a scopo terapeutico della cannabis è iniziato. Dopo infatti la legge emanata dalla Regione Abruzzo sul via libera alla cannabis a scopo terapeutico e la decisione del governo di non impugnare tale provvedimento dinanzi alla Corte Costituzionale, apre nuovi spiragli.

Mamma, se mi faccio una canna muoio?

pubblicato il 2 aprile 2014 alle ore 12:42
"Mamma, se mi faccio una canna muoio?" E' un brevissimo prontuario in forma di intervista a Nunzio Santalucia, medico tossicologo da anni impegnato nella diffusione della cultura della cannabis terapeutica, e in prima linea in favore di una legislazione aperta anche al consumo ludico di questa sostanza, con alcune precisazioni. In particolare l'intervista mette in luce due aspetti fondamentali: a) la cannabis, in certi pazienti colpiti da certe malattie, può essere utile ad alleviare i problemi e i dolori anche in modo sostanziale. L'uso terapeutico della cannabis dovrebbe essere allargato anche per questo, per favorire una maggiore ricerca e un maggiore controllo sotto il profilo medico. Potendo così valutare, serenamente e scevri da pregiudizi (in un senso o nell'altro) dove l'efficacia è manifesta e dove invece il suo utilizzo potrebbe essere inutile. b) la cannabis, al pari di altre sostanze come l'alcool (anche nelle forme ritenute più blande come il vino o la birra), può causare danni, specialmente se assunta in età adolescenziale, dove il controllo delle emozioni può essere compromesso da un uso massiccio della sostanza (al pari, appunto, da un uso/abuso di alcolici, anche quelli cosiddetti "da tavola"). Dunque l'intervista non vuole in alcun modo incentivare l'uso della cannabis, ma anzi favorire l'informazione mettendo le persone di fronte a scelte che possono portare vantaggi ma anche problemi. Soprattutto, come sottolinea il dottor Santalucia, nella fase adolescenziale, la più sottoposta alla crescita neurologica e alla capacità (o incapacità) di gestire le emozioni. Riprese e montaggio di Saverio Tommasi (me medesmo) e Domenico Scarpino.
mostra altro
432798 • di Saverio Tommasi
Malato di sclerosi multipla: "La cannabis mi ha salvato la vita" Alessandro Raudino, affetto da sclerosi multipla da circa 10 anni, rivendica a Fanpage.it il suo diritto alla salute: "Perché devo nascondermi se ho deciso di curare la mia malattia con la cannabis?". E così, dopo aver registrato gravi effetti collaterali dovuti alle cure tradizionali, la svolta: "La cannabis mi ha ridato la voglia di vivere, mi ha tolto la depressione. Ha, quindi, un forte impatto terapeutico sui malati". Nel suo caso "la malattia è dormiente e disinfiammata" grazie alla cannabis che è costretto a comprare al mercato nero: "Sono stufo di finanziare la mafia ma è l'unico metodo per reperire questo farmaco. Ora ho deciso di fare disobbedienza civile: coltiverò le mie piante in casa. Non voglio più nascondermi, lasciateci in pace".
340617 • di FabioGiuffrida